“I sogni son desideri” (A dream is a wish your heart makes in originale) cantava Cenerentola, iconico personaggio della Disney nell’omonimo film del 1950. 70 anni dopo, il sogno della multinazionale americana nel suo avamposto europeo di Parigi è green, verde ed ecocompatibile. E si sta realizzando.

Disneyland Paris ha infatti confermato ufficialmente la costruzione di un impianto fotovoltaico tra i più grandi del continente che andrà ricoprire il parcheggio-visitatori del parco di Marne-la-vallée.
Saranno sessantasettemilacinquecento i pannelli solari installati che andranno a sostenere il 17% circa del consumo dell’intero parco. Un parco enorme, che vanta il fabbisogno energetico di una città di 14.500 abitanti.
L’impianto, cui sta lavorando la società francese Urbansolar, ridurrà le emissioni di Co2 di 750 tonnellate  e quando sarà finito si illuminerà di notte “disegnando” la testa di Topolino.

Il progetto rientra nel novero di sei iniziative fortemente volute dalla Company, che puntano senza mezzi termini al benessere dell’ambiente e che oltre all’energia fotovoltaica porteranno alla riduzione dell’emissione di gas, alla raccolta differenziata, alla depurazione dell’acqua, alla protezione e alla salvaguardia delle biodiversità e allo sviluppo di una filiera responsabile.

Eurodisney dispone già di una sua centrale geotermica (è situata presso il Villages Nature Paris) che riscalda l’acqua dei parchi e del Disneyland Hotel trasformando in energia i vapori imprigionati nel sottosuolo.