Cento euro di premio per il pescatore, inteso come capobarca, che soccorrerà una tartaruga ferita o in difficoltà. Lo ha deciso e deliberato il Consorzio di gestione dell’Area marina protetta di Porto Cesareo, in provincia di Lecce, stanziando una somma annuale di 1000 euro.

L’introduzione di questa gratifica ha l’obiettivo di consentire il salvataggio del maggior numero possibile di tartarughe marine che spesso vengono accidentalmente catturate con attrezzi da posta e palangari. In questi casi, il pescatore per salvarle è obbligato a sospendere la sua attività e a consegnare immediatamente la tartaruga alle autorità competenti.

“Questo speciale fondo di sostegno per i pescatori – recita una nota dell’Area marina protetta – rappresenta un fatto unico su tutto il territorio italiano”. E non è detto che lo resti ancora per molto, già altre rinomate località costiere starebbero valutando delle misure simili per la salvaguardia delle tartarughe nei loro mari.