Dopo settimane di bizze e bozze, vissute tra indiscrezioni e trepidazioni, il decreto Rilancio tanto atteso è finalmente realtà. E tra finanziamenti e aiuti, punta senza remore a promuovere, come preannunciato, la mobilità dolce e sostenibile nelle aree urbane. Come? Con un bonus fino a 500 per l’acquisto di biciclette, e-bike, monopattini, segway e hoverboard. Il fine, nobile e vitale specie di questi tempi, è agevolare ed incentivare gli spostamenti urbani con mezzi alternativi al trasporto pubblico cittadino che in molti casi era già insufficiente nel recente passato e che ora soffrirà di ulteriori limitazioni nel servizio per garantire il distanziamento sociale sui mezzi.

Un “buono mobilità” dunque, per cui il Governo ha stanziato 120 milioni di Euro.  Abbiamo provato ad analizzarlo punto per punto.

-Chi può accedere?

 Il buono è destinato a cittadini maggiorenni residenti nei capoluoghi di regione, nei capoluogni di provincia, nelle città metropolitane e più in generale nei comuni che abbiano più di 50mila abitanti.

-Quanto vale?

Il buono andrà a coprire il 60% della spesa complessiva sostenuta con un massimo di 500€

-Per cosa si può usare?

Il buono potrà essere utilizzato a parziale rimborso dell’acquisto di biciclette, anche a pedalata assistita, e di veicoli a propulsione di prevalenza elettrica come monopattini, segway e hoverboard. Il buono varrà inoltre anche per l’utilizzo “personale” di servizi di mobilità condivisa, cosiddetti di sharing, ad esclusione di quelli con le autovetture.

-Per quanto tempo ha validità?

Il buono mobilità è valido per gli acquisti effettuati dal 4 maggio scorso al 31 dicembre 2020. Potrà essere richiesto un’unica volta ed esclusivamente per una delle soluzioni previste.